L'Associazione



Il Circolo Culturale Andrea Palladio si costituisce con lo scopo di divulgare valori ideali, culturali e morali che siano ispirati dalla cosiddetta Tradizione, tendenti a favorire la crescita e lo sviluppo dell’individuo (e di conseguenza la società) in tutte le sue articolazioni. Anche per tale ragione si intitola al grande architetto Andrea Palladio, il quale – nel 1500 – operò per primo la riscoperta dei valori classici dell’architettura, tra cui soprattutto quelli di Marco Vitruvio Pollone, che ormai da secoli sembravano essere dimenticati.

Come molte associazioni di questo genere, anche il Circolo Palladio individua, all’interno del grande flusso di conoscenze che ha attraversato le vicende umane, dei particolari Maestri che ha fatto “propri”. In particolare, l’insegnamento di Rudolf Steiner costituisce una fonte privilegiata che informa i programmi culturali svolti di anno in anno. Tale ispirazione non è esclusiva, nel senso che ai nostri relatori, come al nostro pubblico, non è assolutamente chiesta una qualsivoglia adesione ai principi espressi da questo Maestro. Il Circolo infatti, vuole garantire la massima libertà in ambo i sensi, proprio perché tale è l’ambito della sfera culturale.

Per raggiungere tale ambizioso obiettivo, esso opera attraverso la divulgazione e l’approfondimento di questioni culturali, scientifiche, artistiche e spirituali in genere, con gli strumenti tipici, ossia conferenze e seminari. Tale attività è svolta tanto dagli associati che da relatori esterni, scelti sempre sulla base di un criterio di competenze e di assoluta indipendenza espositiva e di contenuto.

L’Associazione è anche indipendente da partiti politici, dalla Pubblica Amministrazione e da confessioni religiose, e si amministra e determina i suoi programmi ed iniziative in completa autonomia. Inoltre è senza fini sindacali e di lucro; tutte le attività dell’Associazione sono infatti ispirate dal principio di donazione e gli eventuali liberi apprezzamenti raccolti sono finalizzati unicamente alla copertura delle spese di volta in volta sostenute, che non comprendono comunque la retribuzione dei relatori.

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com